Negli ultimi anni la scuola ha goduto di un forte impulso nella internazionalizzazione grazie anche alla partecipazione a numerosi progetti Erasmus + quali:

– 2014-16 “Países,escuelas, personas construyendo la paz” insieme al IES Cales Salvador di Aldaia (Spagna) ed il College Victor Hugo di Lavelanet (Francia) . Questo progetto, legato all’ambito della socializzazione e della comunicazione in lingua straniera e non, ci ha permesso di lavorare su molti piani legati al benessere a scuola attraverso la promozione del dialogo tra gli alunni dei vari istituti, promuovendo attività di auto aiuto tra pari per la gestione dei conflitti e creando attività di ascolto e sostegno tra alunni delle diverse scuole. Il progetto ha ottenuto il sigillo di qualità etwinning.

-2015-17 “Green my school“, organizzato insieme con gli istituti partners Colegio de Aljarafe di Sevilla (Spagna), St. Vincentius Instituut di Anzegem (Belgio) ed il College Massebelle di Pointe a Pitre (Guadalupa), era incentrato sulla sostenibilità ambientale e l’introduzione di buone pratiche nell’ambiente scolastico e cittadino a più ampio raggio. Dal punto di vista metodologico il progetto ha previsto la condivisione di unità didattiche secondo la metodologia della didattica per progetto, co-progettate e realizzate in parallelo dai diversi istituti. Il progetto ha avviato la raccolta differenziata in ogni classe, ha individuato soluzioni per la riduzione dei consumi e dei rifiuti, ha allestito uno spazio mensa per il consumo di pasti portati da casa e un ‘green corner’ per diffondere le varie iniziative in ambito ambientale.

– 2016-18 “Eurobotique“, svolto in collaborazione con IES Torrellano, l’Università di Alicante (Spagna) ed il Lycée Ozenne di Toulouse (Francia) ha introdotto la robotica come filo conduttore e motore di innovazione nelle pratiche didattiche della matematica e della fisica, lavorando alla costruzione di robot che sono stati utilizzati per una serie di competizioni internazionali a tema.

– 2018-20 “Ad Schol@m” progetto Erasmus + per la formazione professionale dei docenti in Europa riferita ai seguenti ambiti:

  1. formazione linguistica e metodologica mirata all’implementazione di successivi interventi formativi sulla metodologia CLIL ed al rafforzamento della comunicazione in lingua con i colleghi degli istituti partner.
  2. formazione nell’ambito della didattica e della valutazione alla luce dei nuovi metodi didattici e delle risorse tecnologiche e digitali.
  1. formazione per l’organizzazione e la gestione delle attività, dei tempi e degli spazi di insegnamento/apprendimento.

– 2019-21 Erasmus+MOMVI” insieme al  Lycée Montdory di Thiers, Francia, che tratta tematiche legate alla scoperta e alla valorizzazione dei luoghi meno conosciuti.

– 2020-22 “Die Ziele für nachhaltige Entwicklung entdecken“, codice 2020-1-DE03-KA229-077494_3: insieme a Marie Curie Schule Berufsbildungszentrum Völklingen, İstanbul Erkek Lisesi Türkei, Lycée Francais Charles de Gaulle Londra, il progetto mira a potenziare comprendere gli effetti delle proprie azioni sull’ ambiente, prendere decisioni responsabili e difendere un pianeta in cui valga la pena vivere. In un momento di grandi sfide globali, è di fondamentale importanza per gli studenti acquisire competenze orientate al futuro del proprio ambiente di vita e aderirvi.

Tali progetti hanno avuto un impatto molto significativo per tutta la nostra comunità scolastica. Gli alunni hanno fatto esperienze presso le scuole partner aprendosi al dialogo e al confronto. Un numero sempre crescente di docenti ha partecipato ai progetti con entusiasmo, scambiandosi esperienze e trovando nuove vie di collaborazione e co-progettazione delle attività didattiche, ed in ultima analisi trovando in tali attività una forte spinta all’innovazione al miglioramento professionale.

Progetto: Uruguay, un’esperienza di scuola oltreoceano

Durante il soggiorno di due settimane sé stato possibile avvicinarsi alla vita quotidiana della città di Rosario e frequentare una scuola superiore e una elementare per presentare la propria realtà culturale e interagire attraverso la realizzazione di numerosa attività didattiche.

Gli studenti italiani presentano la storia di Siena, attraverso materiali preparati da loro stessi, svolgono attività didattiche nelle due scuole per insegnare e far conoscere aspetti importanti dell’arte e della cultura italiana. I compagni uruguaiani hanno predisposto un programma di visite ed attività per la scoperta del loro territorio e la conoscenza degli aspetti culturali più rilevanti.

Scambio a Istanbul febbraio 2020

Obiettivi

  • promuove e sviluppa la conoscenza della lingua inglese e di una cultura altra.
  • promuove la cittadinanza globale nei giovani, permette un apprendimento interculturale,
  • sviluppa attività di solidarietà in altri paesi,
  • incoraggia l’ iniziativa personale e di interazione sociale
  • sensibilizza i giovani italiani nelle azioni di cooperazione